Realizzare time-lapse con Canon EOS Utility

PLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_CONTENT_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMIT

canon utilities

Intervallometro software gratuito per fotocamere Canon

Una opzione che a quanto pare pochi conoscono è la funzione "scatto a tempo" presente all'interno del software Canon EOS Utility, applicativo gratuito fornito in bundle con le macchine fotografiche Canon. Una delle arti più apprezzate in fotografia è la possibililità di realizzare video che raccontino il trascorrere del tempo: i time-lapse.

Per fare questo sono necessarie poche semplici cose: una macchina fotografica, un intervallometro, una scheda di memoria capiente, una batteria ben carica. L'intervallometro ufficiale Canon viene venduto al modico prezzo di ca. €100, naturalmente si può andare su prodotti più economici ma altrettanto funzionali come quelli della Aputure e marche simili, che si possono trovare su internet anche a $20. Ma esiste una soluzione economica, gratuita, che vi consente di realizzare time-lapse molto lunghi con relativo ingombro e con 1 solo cavo: l'accoppiata pc+macchina fotografica, più ingombrante dell'intervallometro ma altrettanto funzionale se non di più in certe occasioni. Sarà necessario soltanto un cavo di collegamento USB, anch'esso fornito in bundle con la fotocamera: collegata al computer e accesa, il software Canon EOS Utility (in questo articolo ci si riferisce alla versione 2.10.2.0) si avvierà automaticamente, basterà selezionare "scatto remoto" ed entrerete nell'interfaccia di controllo della macchina via computer. Tramite il pulsante preferenze si dovrà impostare la cartella dove salvare le immagini, magari che tipologia di nome dare di default alle stesse (selezionando un'opzione contenente "numero", il software si ricorderà l'ultimo numero utilizzato per salvare lo scatto e vi consentirà automaticamente lunghe sequenze spalmate su più giorni). A questo punto, basterà cliccare sull'icona "scatto a tempo" raffigurante un orologio (riquadrato di rosso nell'immagine sottostante) e si entrerà nel piccolo pannellino delle impostazioni: si potrà decidere quanto tempo deve intercorrere tra il comando di scatto e lo scatto stesso, quando tempo intercorre tra due comandi di scatto, il numero di scatti previsti dal progetto; dando start, il pannellino cambierà interfaccia passando a mostrare il "tempo al prossimo scatto" che visualizza semplicemente il conto alla rovescia che intercorre fino al prossimo comando di scatto, il numero di scatti effettuati, quelli che per un qualche motivo non sono riusciti, quelli rimanenti al termine delle operazioni.

Canon EOS Utility scatto a tempo

I vantaggi che ho potuto notare sulla mia Canon 5D Mark II: lunghissima durata della batteria, oltre 1000 scatti effettuati prima della scarica completa, poiché tutte le operazioni di elaborazione e salvataggio dell'immagine sono in capo al pc, la batteria si occupa soltanto di alimentare il sensore in fase di acquisizione dell'immagine e l'elettronica della macchina per le impostazioni di scatto (in condizioni ottimali e con il minimo impegno hardware si può arrivare a oltre 700 fotografie se il salvataggio dei files avviene sulla scheda di memoria: un guadagno quindi superiore al 30% tramite pc). Eccezionale autonomia di spazio, che sugli hard disk di ultima generazione può arrivare a oltre 10.000 scatti in formato RAW (schede di memoria di pari prezzo rispetto ai dischi rigidi si fermano a poche centinaia di fotografie), quindi forse oltre 100.000 in formato JPEG (forse molti più di quanti l'otturatore della vostra macchina possa sopportare). I piccoli netbook hanno infine autonomie di batteria molto lunghe, superiori alle 6 ore, e possono essere implementate attraverso l'acquisto di batterie per pc a 8 celle o superiori in grado di portarli oltre le 10 ore. Naturalmente questo è l'occorrente base per realizzare time-lapse, quando la macchina rimane fissa sul treppiedi (o appoggiata su superfici stabili): se si vuole qualcosa di più evoluto bisogna attrezzarsi in maniera opportuna, con l'acquisto di dolly, teste motorizzate e quant'altro. Se ne parlerà in un prossimo appuntamento su questo portale specificamente dedicato ai time-lapse: intanto cominciate a cimentarvi con intervalli di 30 secondi su periodi di ca. 2 ore inquadrando paesaggi in movimento (se inquadrate attività umane diminuite l'intervallo onde evitare sequenze troppo scattose nel montaggio finale del video).

English summary

Shooting time-lapse with Canon EOS Utility software intervalometer: start the program, open the remote shooting interface, select the clock icon (see the image above, circled in red), set proper parameter and enjoy! Free and easy.

Chi sono


BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
Joomla SEF URLs by Artio

Archeo Login

www.flickr.com
Questo è un badge Flickr che mostra le foto pubbliche e/o i video di simonegianolio. Crea il tuo badge qui.